Cambio di residenza

di Mercoledì, 23 Ottobre 2013 - Ultima modifica: Mercoledì, 15 Luglio 2015
Immagine decorativa

A seguito dell’entrata in vigore del D.L. 9 febbraio 2012 n. 5, dal 9 maggio 2012 cambiano radicalmente le modalità del cambio di residenza con provenienza da un altro Comune o dall’estero e del cambio di abitazione all’interno dello stesso Comune.

Le suddette dichiarazioni devono essere obbligatoriamente rese utilizzando i modelli presenti nella sezione "Modulistica" e vanno presentate:

  • personalmente presso lo sportello dell’Ufficio Anagrafe del Comune;
  • per posta raccomandata: Comune di Roverè della Luna – Servizi Demografici – Piazza Unità d’Italia, 4 – 38030 Roverè della Luna (TN);
  • per fax: 0461/659095;
  • per via telematica. Questa possibilità è consentita ad una delle seguenti condizioni:

a)  che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;

b)  che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;

c)  che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;

d)  che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e trasmesse tramite posta elettronica semplice.

PEC del Comune: protocollo.comune.roveredl@legalmail.it

Posta elettronica semplice: anagrafe@comune.roveredellaluna.tn.it

A seguito dell’iscrizione anagrafica, che verrà effettuata entro due giorni dalla dichiarazione, l’Ufficio Anagrafe accerterà il possesso dei requisiti di legge (in primis la sussistenza della dimora abituale, e quant’altro previsto per l’iscrizione stessa) e, trascorsi 45 giorni dalla dichiarazione resa o dal ricevimento della dichiarazione inviata con le modalità sopra descritte senza che sia stata effettuata la comunicazione dei requisiti mancanti, l’iscrizione si intende confermata. La verifica della regolarità del soggiorno dei cittadini comunitari provenienti dall’estero e dei cittadini extracomunitari precede invece l’iscrizione anagrafica. In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero, si applicano gli artt. 75 e 76 del DPR 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace. Inoltre, il comma 4 dell'art. 5 del decreto-legge in esame ribadisce la segnalazione all’autorità di Pubblica Sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti ed il comma 5 prevede che, in caso di esito negativo degli accertamenti, ovvero di verificata assenza dei requisiti, venga ripristinata la posizione anagrafica precedente.

Questionario
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam