Bonus gas

di Giovedì, 20 Giugno 2013 - Ultima modifica: Martedì, 27 Ottobre 2015
Immagine decorativa

Il Bonus Gas è una riduzione sulle bollette del gas riservata alle famiglie a basso reddito e numerose. Il Bonus è stato introdotto dal Governo e reso operativo dalla delibera ARG/gas 88-09 dell’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Hanno diritto a usufruire dell’agevolazione quei clienti domestici che utilizzano gas naturale con un contratto di fornitura diretto o con un impianto condominiale se il loro indicatore ISEE non è superiore a 7.500 euro. Nel caso di famiglie numerose (con più di 3 figli a carico), l’ISEE non deve invece superare i 20.000 euro.

Chi può richiedere

Possono accedere al bonus gas, per la fornitura nell'abitazione di residenza, i clienti domestici diretti (clienti finali titolari di un contratto di fornitura) con indicatore ISEE non superiore a 7500 Euro, nonché le famiglie numerose (4 o più figli a carico) con ISEE non superiore a 20.000 Euro.

Il bonus gas può essere richiesto anche dai clienti domestici indiretti, ossia da coloro che, in presenza dei requisiti ISEE e di residenza indicati, utilizzano impianti di riscaldamento condominiali, ovviamente a gas naturale.

L'agevolazione viene altresì riconosciuta ai clienti domestici diretti serviti anche da impianto condominiale.

Dove rivolgersi

Per presentare la domanda bisogna rivolgersi ai Caf convenzionati.

Link utili per saperne di più sul bonus gas:

oppure contattare il numero verde 800166654

Come fare / Cosa fare

Per accedere al Bonus i cittadini dovranno recarsi presso i Centri di assistenza fiscale convenzionati e richiedere i seguenti moduli da complilare e sottoscrivere:

Modulo A_Gas - Forniture individuali (clienti domestici diretti che utilizzano una fornitura autonoma)

Modulo B_ Gas - Forniture individuali + centralizzate (per i clienti domestici diretti che sono serviti anche da un impianto condominiale centralizzato)

Modulo C_Gas - Forniture centralizzate (per i clienti domestici indiretti, serviti solo da impianto condominiale centralizzato)

Modulo E_elt - Autocertificazione figli a carico (il modulo va compilato nel caso di famiglie numerose per l'indicazione dei 4 o più figli a carico)

Modulo F_Gas - Delega di un terzo all'incasso del bonifico domiciliato (il modulo può essere presentato dai clienti domestici che fanno richiesta del bonus gas, congiuntamente al modulo A_GAS o B_GAS, nel caso in cui vogliano indicare un soggetto, diverso dal beneficiario del bonus, come soggetto titolato ad incassare il bonifico domiciliato emesso da Poste Italiane Spa)

Per ottenere il bonus i cittadini non dovranno sostenere alcun costo.

Per tutti i clienti che hanno sottoscritto direttamente un contratto per la fornitura di gas naturale, il bonus sarà riconosciuto come una componente in deduzione nelle bollette; per tutti i clienti che, invece, usufruiscono di impianti centralizzati di riscaldamento e non hanno un contratto diretto di fornitura, il bonus sarà riconosciuto in contanti, tramite bonifico domiciliato intestato al beneficiario, da ritirarsi presso gli sportelli postali.

Quanto vale il bonus gas

Il valore del bonus gas è differenziato:

- per zona climatica (in modo da tener conto delle diverse esigenze di riscaldamento, legate alle diverse condizioni climatiche).

- per tipologia di utilizzo (solo cottura cibi e acqua calda, o solo riscaldamento, oppure cottura cibi più acqua calda e riscaldamento);

- per numerosità delle persone residenti nella medesima abitazione

Il bonus gas è cumulabile con il Bonus elettrico.

Che durata ha il bonus gas

Il diritto al bonus ha una validità di 12 mesi. Al termine di tale periodo, per ottenere l'eventuale rinnovo, il cittadino dovrà presentare una domanda accompagnata da una certificazione ISEE aggiornata, che attesti il permanere delle condizioni di disagio economico.

Che cos'è l' ISEE e come ottenere la certificazione

L'ISEE è l'Indicatore di Situazione Economica Equivalente che permette di misurare la condizione economica delle famiglie, tenendo conto del reddito, del patrimonio mobiliare - immobiliare e della numerosità delle famiglie a carico. Per ottenere l'attestazione ISEE è necessario redigere una dichiarazione sostitutiva unica (DSU) sulla base di un modulo fac-simile reperibile presso i CAF (Centri di Assistenza Fiscale) convenzionati o presso le sedi  dell'INPS, inserendo le informazioni richieste sul proprio nucleo familiare, sui redditi e sul patrimonio del nucleo stesso. Tale dichiarazione va così presentata ai CAF, oppure alle Sedi ed Agenzie INPS presenti sul territorio. Alla presentazione della dichiarazione si otterrà un'attestazione contenente le informazioni sulla dichiarazione stessa, gli elementi necessari per il calcolo dell'ISEE, nonché l'indicazione del valore ISEE. Tale attestazione è il documento ISEE da allegare alla domanda per il riconoscimento del bonus.

Questionario
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam