Vai menu di sezione

Filodrammatica "I simpatici"

logo Filodrammatica
Indirizzo
Piazza Unità d'Italia
CAP
38030
Località
Roverè della Luna
Referente
Degasperi Giancarlo
Ruolo del referente
Presidente
Telefono del referente
346-7485759
Scheda
Nel 1978 rinasce la Compagnia nel paese di Roverè della Luna.
Si hanno alle spalle anni e anni di teatro. Le prime rappresentazioni risalgono al 1911 tra varie vicissitudini e due guerre. Ad ogni fine conflitto il sipario si apre e sopra vi appare una significativa dicitura del poeta latino Orazio: "Omne tulit punctum qui miscuit utile dulci" ovvero "Raggiunge il massimo successo chi unisce l'utile e il dilettevole".
La storia inizia il 5 gennaio 1978 con la stesura dello Statuto denominandola Filodrammatica Parrocchiale "I Simpatici" di Roverè della Luna, firmato dal Presidente Adolfo Inama, dal Vicepresidente Giorgio Degasperi e dal Segretario Luca Cristoforetti. La documentazione più specifica è agli atti di un simpatico annuario dal titolo "25 anni di Simpatia".
L'impegno del nostro sodalizio inizia con la commedia "La Baronessa dei finferli", a Pasqua del '78 "El camp dei frati" e l'anno dopo con "N'om fortunà" sempre di Silvio Castelli. Nell'80 due nuove commedie: "La siora Gigia" di Guido Chiesa" e "El caregon del sindaco". Nell'81 con "En pè en te la busa", anno in cui diventa Presidente Rodolfo Kaswalder. Nell'82 "Fiori de naranz" di Elio Fox e a seguire, dello stesso autore, "Una sera de vendro".
Sotto la presidenza di Rodolfo iniziano a muovere i primi passi diversi giovani con farse o atti unici.
Nel 1985 viene eletto Presidente Giorgio Degasperi e si portano in palcoscenico l'operetta "Una gara in montagna" con tantissimi giovani e "Storie nostrane" di Giorgio Degasperi. Nell'87 "I fioretti di Fra Gaetano" e a Natale si debutta con "Bisognerà parlarghen sora". Nell'88 diventiamo anche noi organizzatori di una rassegna intitolata "Città del Teatro", mentre sul palco presentiamo "E viveren pù ben" e a seguire "Quel dispetos de S. Valentin". L'anno successivo "El temp! Basteria torselo!". Nel '91 "Osta! Che rebalton" di Giorgio Degasperi. Nel '92 si organizza anche la prima gita e.... come tutte le strade de sto mondo, la porta a Roma. Nel 1994 arriva un nuovo lavoro "Mi e ti come Renzo e Lucia" di Giorgio Degasperi. Nel '97 arriva il nuovo lavoro "Na vita donada". Nel 1999 nuova proposta teatrale con "En prosac pien" di Giorgio Degasperi. Nella primavera del 2000 si festeggia il nuovo millennio con "Amor e baticor" di Loredana Cont che replichiamo per tutto il 2001. Durante la gita ad Amsterdam e Strasburgo, arriva l'ispirazione per lo spettacolo del 2002 "Volendam" ed inizia anche la nostra avventura "Con gli amici del Madagascar". Nel 2002 la 15ª rassegna "Città del Teatro", per venire ai nostri giorni con il testo "La sorpresa del nono" di Giorgio Degasperi e nel 2009 con "La maestra Teresa" di R. Francescotti.
La filodrammatica “I Simpatici” di Roverè della Luna dopo la rappresentazione della commedia “La maestra Teresa” di Francescotti ha ripreso la sua attività con una nuova commedia divertente. In questi ultimi anni non sono mancate le difficoltà. La filo di Roverè della Luna è rimasta priva del teatro nel quale per anni ha trovato la sua sede ed il luogo delle prove per mettere in scena gli spettacoli. Infatti il nuovo parroco con grande entusiasmo ed intelligenza ha trovato i finanziamenti e ha fatto ristrutturare l’intero edificio parrocchiale compreso anche il teatro che, viste anche le esigenze di un utilizzo promisquo del sito, è stato trasformato in una sala polifunzionale direttamente gestita dalla parrocchia. La filo ha continuato a trovarsi e a svolgere la sua attività in case private e in una piccola saletta messa a disposizione dal Comune.A fronte di queste moltissime difficoltà, la filo di Roveré della Luna ha saputo reagire ed anche ad avere la disponibilità di nuove persone e di alcuni attori ed attrici che per motivi vari avevano temporaneamente lasciato le scene.Quest’anno (35° anniversario della sua fondazione) ha messo in scena la commedia “ Dolori, dolori, dolori.” di  Gabriele Bernardi,  una commedia divertentissima che saprà dare ancor più vigore ed entusiasmo al gruppo e soddisfazione anche ai paesani che vogliono rivedere la loro filo nella nuova sala polifunzionale di Roveré.Ecco allora la novità della XX rassegna teatrale che nel mese di novembre farà la sua prima apparizione proprio nella sala polifunzionale parrocchiale. Si ringrazia, in particolare, la parrocchia, il Comune e l’ Unione Italiana Libero Teatro con sede a Bolzano. L’attività delle rappresentazioni è iniziata a marzo (Pochi e Campodenno) ed è proseguita in ottobre con recite a Laghetti e Bolzano, molte anche in beneficenza per Associazioni con scopi di solidarietà, (Kenya, Aido, Amici del Madagascar ecc.).L’impegno della rappresentazione della commedia continuerà per tutto il 2014 nei vari teatri regionali.Il prossimo febbraio ci sarà l’Assemblea annuale con la nomina del nuovo direttivo, è aperto il tesseramento per la stagione 2014, rivolgersi a Giorgio Degasperi ed Enghelmaier Rosalia.

DOLORI, DOLORI, DOLORI    (Trama)

Due sorelle nubili, Teresa e Amabile, sono convinte di essere sempre ammalate, ma hanno comunque un grande desiderio di trovare l’anima gemella. Sul più bello arriva in casa un biglietto con una poesia d’amore…..

Codice
0
Pagina pubblicata Venerdì, 03 Maggio 2013 - Ultima modifica: Lunedì, 07 Marzo 2016

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto