Vai menu di sezione

Ospitalità e/o assunzione straniero

Ai sensi dell'art. 7 del D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286, chiunque, a qualsiasi titolo, dà alloggio ovvero ospita uno straniero o apolide, anche se parente o affine, o lo assume per qualsiasi causa alle proprie dipendenze ovvero cede allo stesso la proprietà o il godimento di beni immobili, rustici o urbani, posti nel territorio dello Stato, è tenuto a darne comunicazione scritta, entro quarantotto ore, all'autorità locale di pubblica sicurezza.

La comunicazione comprende, oltre alle generalità del denunciante, quelle dello straniero o apolide, gli estremi del passaporto o del documento di identificazione che lo riguardano, l'esatta ubicazione dell'immobile ceduto o in cui la persona è alloggiata, ospita o presta servizio ed il titolo per il quale la comunicazione è dovuta.

Le violazioni delle disposizioni suddette sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 160 a 1.100 euro.

Il modulo per la comunicazione è reperibile nella sezione “Modulistica”.

Pubblicato il: Martedì, 14 Luglio 2015

Valuta questo sito

torna all'inizio