Vai menu di sezione

Il Rio Secco

Partenza: da Roverè della Luna, in pochi minuti d’auto si raggiunge la frazione di Cadino sulla statale del Brennero tra Salorno e San Michele all’Adige
Dislivello: ↑ 500 m. c.a.
Tempi di percorrenza: salita 2/3 ore c.a.; discesa 1 ora c.a.
Difficoltà: solo per esperti di vie ferrate o accompagnati (pericoloso con pioggia o neve)

La stazione della Sat di San Michele all’Adige ha allestito un vero capolavoro, qualcosa di veramente originale ed insolito. La ferrata di Rio Secco si differenzia dai classici percorsi attrezzati, oltre che per l’inconsueta ubicazione (partenza letteralmente dal bordo della statale del Brennero), anche per il divertente concentrato di passaggi quasi a raccogliere tutte le difficoltà riscontrabili in un percorso attrezzato. L’ascensione si svolge sempre a qualche metro dall’acqua, quando c’è; nei periodi di maggior precipitazione può capitare di doversi togliere gli scarponi per effettuare i guadi che questo itinerario all’Indiana Jones impone. La perfetta collocazione del cavo d’acciaio e la continua possibilità di autoassicurazione, nel rispetto delle norme di progressione sulle vie ferrate, rende sicuro questo itinerario che rimane comunque faticoso e impegnativo per i suo atletici passaggi. Vista la brevità del percorso, la ferrata di Rio Secco è un itinerario ideale per mezza giornata e l’accesso particolarmente comodo lo rende consigliabile in più occasioni, come al rientro da una gita sci alpinistica primaverile o dopo un bagno al lago d’estate.

Salita: dal parcheggio della pizzeria ristorante di Cadino si attraversa la strada per imboccare un sentierino (cartello indicatore) che sale nella boscaglia abbastanza ripida fino ad una bastionata rocciosa dove l’acqua ha formato una serie di suggestive gole e cascate. Da qui inizia la parte attrezzata dell’itinerario che si percorre in piena sicurezza con l’ausilio di cavi metallici e infissi sistemati a regola d’arte. In circa 2 ore di divertente arrampicata si giunge all’altopiano sovrastante (700 m. circa di quota) dove, termina la salita, si può proseguire con un’escursione ai paesini di Faedo e Cadino Alto.

Discesa: dal termine del percorso attrezzato un sentiero scende sulla destra orografica del Rio Secco (segnaletica “via di rientro”) e conduce al punto di partenza. Anche questo è parzialmente attrezzato con scalette e funi nei punti più impegnativi.

Pubblicato il: Mercoledì, 15 Luglio 2015

Valuta questo sito

torna all'inizio